Le finalità educative dell’Istituto esigono che le singole persone che entrano a far parte della comunità scolastica e le diverse componenti, in cui essa si articola, partecipino attivamente alla sua vita e collaborino a fare della Scuola “un ambiente comunitario scolastico permeato dallo spirito evangelico di libertà e carità” (Gravissimum Educationis, n. 8). La partecipazione alla vita della comunità scolastica, che presuppone la conoscenza e l’accettazione del Progetto educativo, ha come scopo l’arricchimento della realtà educativa della scuola e richiede un atteggiamento costruttivo di consiglio, di proposta e di iniziativa.

L’incontro tra le diverse componenti della comunità scolastica e la loro comune partecipazione alla vita della scuola è indispensabile e auspicabile affinché le diverse esperienze e competenze possano confrontarsi nell’approfondimento del progetto educativo, nella verifica della sua applicazione, nello studio e nella elaborazione di nuove soluzioni.

La Comunità scolastica per rendere effettiva ed efficace la collaborazione di tutte le sue componenti alla gestione delle attività scolastico-educative della Scuola, secondo lo spirito delle moderne istanze sociali espresse nella legislazione scolastica italiana con particolare riferimento alla legge 62/2000 sulle scuole paritarie, si avvale del Consiglio d’Istituto, della giunta esecutiva, del collegio dei docenti, dei consigli di classe, interclasse e intersezione. (Art. 1 – Costituzione degli Organi Collegiali – Regolamento d’Istituto).

 

Il Consiglio d’Istituto

Il Consiglio d’Istituto (C.I.) è composto dai rappresentanti delle seguenti categorie:

  • Ente Gestore.
  • Dirigenza scolastica: il coordinatore di ogni ordine di scuola
  • Personale docente: n. 2 per ogni ordine di scuola
  • Personale non docente: un rappresentante
  • Genitori: n. 2 per ogni ordine di scuola

Il Consiglio d’Istituto:

  • contribuisce al raggiungimento delle finalità educative espresse nel Progetto Educativo di Istituto (P.E.I.).
  • adotta il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (P.T.O.F.).
  • ha funzione consultiva e discute i problemi fondamentali interni, formula eventuali proposte, presenta suggerimenti e richieste.

 

La Giunta Esecutiva

La Giunta Esecutiva (G.E.) è composta dal Dirigente scolastico, dal responsabile economico che funge da Segretario di Giunta, e da 2 Consiglieri eletti dal C.I., e precisamente: da 1 docente e da 1 genitore. La G.E. prepara gli argomenti da sottoporre all’esame del C.I., corredandoli di precise richieste, fermo restando il diritto di iniziativa del Consiglio stesso.

 

Il Collegio dei Docenti

Il Collegio dei Docenti è composto da tutto il personale docente e ha lo scopo di per consolidare il valore della comunità condivisa, secondo i valori dell’Istituto, e dello spirito di collaborazione francescana/cateriniana che imprime carattere a tutte le decisioni della Scuola. È presieduto dal Dirigente.

Il Consiglio di classe, di interclasse, di intersezione

I Consigli di Classe nella Scuola Secondaria sono composti dai Docenti delle singole classi e da 3 rappresentanti dei genitori eletti da tutti i genitori delle rispettive classi.

I Consigli di Interclasse e di Intersezione nelle Scuole Primarie e dell’Infanzia sono composti dai Docenti di classi parallele o dello stesso ciclo, fissati dalla Direzione, di volta in volta, secondo la necessità e da un rappresentante dei genitori di ogni classe eletto come sopra.

I Consigli di Classe e di Interclasse sono presieduti dalla Preside o, dietro sua delega, dal Vice-Preside o da un docente membro del Consiglio stesso.

Le funzioni di Segretario del Consiglio di Classe e di Interclasse sono attribuite dal Dirigente ad uno dei docenti membro del Consiglio stesso.

I Consigli di Classe e di Interclasse si riuniscono in ore non coincidenti con l’orario scolastico col compito di: formulare al Collegio dei Docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica, all’adozione dei libri di testo e ad iniziative di sperimentazione; agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni.

I Consigli di Classe possono altresì esprimersi riguardo ad altri argomenti legati al buon funzionamento delle classi (programmi di studi, disciplina, rendimento della classe) e proporre eventuali soluzioni agli organi competenti.

Le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari e quelle della valutazione periodica e finale degli alunni spettano al Consiglio di Classe e di Interclasse con la sola diretta partecipazione dei docenti.

>> MEMBRI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO 2016-2019 <<