Pubblicato il 18/06/2014

A seguito dello splendido esito della giornata del 25 Maggio e della riunione di verifica sulla Festa della Famiglia 2014 abbiamo la gioia di condividere con voi alcuni commenti e spunti di riflessione su uno dei momenti più importanti della vita della nostra comunità scolastica.


LA VERA FORZA E’ IL SERVIZIO

Ho il piacere di condividere con voi le emozioni vissute il 25 maggio u.s. in occasione della Festa della Famiglia durante la quale ho potuto collaborare sia alla fase di allestimento che alla fase di festa vera e propria.

E’ solo il secondo anno che le mie figlie frequentano l’Istituto e, prima di loro, non avevo mai avuto occasione di frequentare scuole che organizzassero tali momenti d’incontro.

Ho avuto quindi un doppio privilegio: da una parte di vivere per la prima volta un’esperienza così emotivamente coinvolgente, dall’altra di viverla con la maturità di un giovanissimo uomo, coscritto della classe ’76.

L’incontro dell’ultima domenica di maggio non potrebbe avere un nome differente:

FESTA. E’ incredibile osservare la gioia con cui le famiglie partecipano all’organizzazione, si dedicano ai preparativi e da ultimo mettono ogni energia il gran giorno. Quest’anno ho visto alcune facce nuove, com’era la mia lo scorso anno, e mi ha riempito di gioia vedere come la giornata di lavoro sia stata per loro tanto piena e faticosa quanto densa di soddisfazione. Tutti hanno riconosciuto il valore di questo momento d’incontro e l’intenzione di dedicarsi ancor di più nel tratto a venire… Grandi questi papà, come i diesel hanno l’avvio un pò lento ma poi non li fermi più!!!

Un aspetto invece legato alla seconda parola della giornata è il concetto di FAMIGLIA. Che in ossequio all’insegnamento cristiano e di Francesco prescinde dai legami di sangue per avvolgere tutti coloro che si vogliono bene.

Alla festa della famiglia partecipano mamme e papà i cui figli, dopo il dottorato di ricerca, sono inseriti stabilmente nel mondo del lavoro, ma riconoscono nell’Istituto e nel carisma che lo anima, un valore cui non si può rinunciare al termine del ciclo di studi.

Guardo con ammirazione a queste famiglie e riconosco loro il ruolo dei nonni da cui apprendere preziosi consigli per evitare errori in futuro.

Con queste premesse la Festa della Famiglia non può che essere uno straordinario momento di incontro dove gli allievi più grandi mostrano ai più piccoli che la vera forza è il servizio e che nella difficoltà non si è soli.

E’ emozionante vedere come maschi e femmine cantano e ballano senza il minimo imbarazzo nel fare coreografie che magari non comprendono a fondo ma che viste dal bordo del campo sono quanto di più bello al mondo si possa vedere.

Non ho potuto non notare il ritorno degli ex allievi, quelli che non ne potevano più di dover sgobbare più che altrove, quelli che finalmente hanno conseguito la licenza media ed “a scuola non mi vedranno mai più”, quelli che finalmente sono alle superiori e “posso fare quello che mi pare…” quelli che ritornano a ringraziare Suore e Docenti per aver loro insegnato che il valore dell’impegno e della fatica vanno oltre il voto numerico, perché il valore di un Uomo e di una Donna non si misura con il profitto.

Ringrazio quindi tutte voi per la bella occasione che mi avete offerto, di veder fiorire la Festa e di avermi messo a bordocampo a commentare i saggi dei ragazzi…. sono pronto per la festa 2015!!

                                           Papà Luca (IB e I sez. infanzia)


Alcune delle vostre email:

26/5/’14 h.1.33

A volte può capitare: il sonno e la stanchezza, nonostante la lunga giornata, stasera non hanno il sopravvento sul desiderio di ripercorrere con la mente il film della giornata. Su tutto prevale la gioia di aver condiviso con voi ancora una volta la domenica a noi dedicata.

Ai bimbi e ai loro docenti per l’impegno profuso, ai genitori volontari per la loro impagabile opera, ma soprattutto a voi il grazie per la dedizione e “l’atmosfera di casa” che riuscite a trasmetterci.

Quindi, contenti i bimbi, entusiasti i genitori, grandiosa (!) l’idea di aprire la giornata nel nome del buon Dio: un brave a voi tutte per quello che, come oggi, riuscite a fare per noi.

Buonanotte.

Papà Fabrizio (IA)

27/57’14 h. 10.47

Care Sorelle,

mille grazie per l’impegno e le energie che avete riversato nell’organizzazione della festa della famiglia 2014.

Ho visto tanti papà e tante mamme volenterose presidiare posizioni e lavorare senza sosta per l’ottima riuscita, ho con piacere coinvolto alcuni papà lo scorso anno assenti e vedere nei loro occhi stanchi la soddisfazione di essere stati una piccola parte di una grande successo.

Mille grazie.

Un caro abbraccio,

Papà Luca (IB)