Pubblicato il 24/12/2015

“I pastori dicevano l’un l’altro: Andiamo dunque fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere. Andarono dunque senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino…” (Lc 2,15-16)

“Lo stupore e la gioia donata dall’annuncio della nascita del Figlio di Dio è gioia condivisa, gioia che spinge a muoversi, ad incamminarsi senza indugio. Gli occhi dei pastori sono gli occhi di chi ancora è capace di provare stupore e meraviglia davanti alle piccole cose. E’ la

capacità di stupirsi e di meravigliarsi nel poter vedere un bambino che nasce e saper contemplare l’Autore della vita. In questo Santo Natale auguriamo a ciascuno di fissare lo sguardo del cuore nella spoglia greppia di Betlemme, di lasciarsi stupire dall’umiltà di Dio che dalle braccia di Maria si offre a noi come Colui che è il Volto della misericordia. Buon Natale e sereno anno nuovo da tutta la comunità religiosa e scolastica: “Che il Signore Gesù nasca spiritualmente nei nostri cuori”

(Beata M.Caterina)

2015_natale02